Prevenzione Cardiovascolare

Attualmente le strategie di prevenzione Cardiovascolare (CV) si focalizzano sulla identificazione dei soggetti a rischio più elevato, spesso già con alterazioni d’organo strutturale nei quali parte del rischio non è più regredibile (rischio residuo). La scarsa aderenza dei pazienti ad un corretto stile di vita ed alle terapie consigliate limita ulteriormente l’efficacia degli attuali interventi conducendo ad un continuo incremento delle patologie CV croniche. Per rafforzare e migliorare l’approccio alla prevenzione CV, in particolare a quella primaria (focalizzata su soggetti che ancora non abbiano sviluppato malattie CV), il WG dedicato alla Prevenzione Cardiovascolare, si propone di sviluppare nuove strategie, basate su interventi multidisciplinari, volte alla correzione precoce dei fattori di rischio CV, e di promuovere un’innovativa e capillare educazione sanitaria. In questi ambiti le opportunità più promettenti vengono dall’innovazione tecnologica, in particolare da strumenti di medicina digitale (eHealth), inclusi i dispositivi mobili, quali telefoni cellulari, e loro applicazioni dedicate (mHealth), con lo scopo di favorire l’integrazione collaborativa tra paziente, medici di medicina generale e centri di ricerca cardiologici IRCCS. Tali obiettivi vengono perseguiti all’interno dei 2 progetti di ricerca attivi in questo settore: lo studio IMPROVE CVP e il progetto CV PREVITAL che si propongono di sviluppare un approccio innovativo di prevenzione cardiovascolare primaria basato su una piattaforma tecnologica di eHealth/mHealth nel contesto naturale ove si attua la prevenzione primaria, la medicina generale. L’impiego di strumenti digitali innovativi nell’ambito dello studio IMPROVE CVP e del progetto CV PREVITAL consentirà di diversificare gli interventi su base individuale, insistendo sulle caratteristiche peculiari di ciascun soggetto, anche di tipo psicologico e socio-economico. I risultati di questi studi costituiranno una premessa fondamentale per l’elaborazione di un piano di prevenzione cardiovascolare di interesse nazionale che consenta una razionalizzazione delle risorse e sia applicabile ad una più larga fascia della popolazione italiana rispetto a quanto avviene con gli attuali modelli regionali.

Progetti Attivi:
  • Impiego di tecnologia mobile Health e e-Health per un’ottimale prevenzione cardiovascolare – the IMPROVE CVP study (PI: Gianfranco Parati – Istituto Auxologico Italiano)
  • Strategie di prevenzione primaria cardiovascolare nella popolazione italiana – CV PREVITAL – (PI: Elena Tremoli – Centro Cardiologico Monzino)
Coordinatore:

Prof. Gianfranco Parati

Istituto:

Istituto Auxologico Italiano

Centri partecipanti:

CENTRO CARDIOLOGICO MONZINO Damiano Baldassarre – POLICLINICO SAN DONATO Alexis Malvazos – MULTIMEDICA Livio Luzi – FONDAZIONE CA’ GRANDA  Roberto Meazza – OSPEDALE SAN RAFFAELE Paolo Camici- MARIO NEGRI Carla Roncaglioni – OSPEDALE PEDIATRICO BAMBINO GESU’ Ugo Giordano – POLICLINICO SAN MATTEO Luigi Oltrona Visconti – IRCCS ISTITUTI CLINICI SCIENTIFICI MAUGERI Luca Chiovato – HUMANITAS Giuseppe Ferrante – SAN RAFFAELE PISANA Maurizio Volterrani – ISMETT IRCCS Alessandro Mattina – SDN Carlo Cavaliere – NEUROMED Giuseppe LEMBO – IRCCS OSPEDALE POLICLINICO SAN MARTINO Fabrizio Montecucco – MONDINO Alfredo Costa – ISTITUTO GIANNINA GASLINI – IRCCS POLICLINICO UNIVERSITARIO AGOSTINO GEMELLI Giovanna Liuzzo – IRCCS INRCA Roberto Antonicelli