News

L’e-Hospital del cuore cambia l’esperienza di cura

L’e-Hospital è oggi al centro di esperienze e studi scientifici in tutto il mondo, sotto l’impulso della pandemia da SARS-CoV2. La prenotazione on line di visite ed esami specialistici come un elettrocardiogramma, un test da sforzo, un holter pressorio o cardiaco è forse quello a cui pensiamo più spesso, ma le possibilità di un e-Hospital vanno oggi ben oltre. Per esempio, studi condotti proprio in epoca COVID-19 hanno dimostrato che un monitoraggio domiciliare proattivo con tele-medicina e tele-monitoraggio è efficace e sicuro anche in persone affette da malattie infettive acute e in isolamento domiciliare. Oltre a consentire una netta diminuzione dei ricoveri, della durata media della degenza ospedaliera e della mortalità e un importante risparmio di risorse.

Oggi è già possibile non recarsi in ospedale per monitorare l’andamento di alcune malattie cardiache, prescrivere o cambiare la terapia, sottoporsi a un programma di riabilitazione cardiologica dopo un evento acuto. La telemedicina accorcia infatti le distanze, a tutto vantaggio della qualità di vita del paziente: più gestione in sicurezza della malattia al proprio domicilio, meno ricoveri e visite specialistiche, meno costi per il SSN.

Ne parla in un breve video il Prof. Maurizio Volterrani, dell’IRCCS San Raffaele di Roma, afferente alla Rete Cardiologica IRCCS.


Leggi di più e guarda il video